LIPPI :” SARA’ UN MONDIALE DIFFICILE…”

Lippi: «Le avversarie?……… vediamo»

Il ct azzurro: “Sarà un mondiale piùduro ma giocare d’inverno ci aiuterà”

Marcello Lippi© AP/LaPresse

Marcello Lippi e Fabio Capello brindano al Mondiale che verrà con una birra, e non è l’anticipazione di una finale Italia-Inghilterra che i bookie di Londra già quotano a 40, ma un incontro conviviale a Città del Capo, a 24 ore dal sorteggio. I due ct italiani attendono il nuovo Mondiale con una curiosità pari a quella con la quale tutto il mondo aspetta di conoscere il volto di Sudafrica 2010: domani l’urna della Fifa darà forma definitiva al primo torneo del continente africano, e le 32 squadre conosceranno avversarie e possibile cammino.

«Non faccio previsioni né preferenze, aspettiamo e vediamo quali saranno le nostre rivali» il messaggio del ct azzurro, arrivato in mattinata sulle sponde dell’Oceano. Ad accogliere la delegazione italiana guidata dal presidente Abete c’era un clima mite, 26 gradi, in contrasto con l’inverno dell’emisfero australe. E al momento sembrano proprio le condizioni climatiche e logistiche le prime preoccupazioni del tecnico campione del mondo: quelle non sono affidate solo alla sorte, ma anche alle scelte di preparazione. «Sarà il primo Mondiale d’inverno dopo Argentina ’78, e non mi preoccupa: anzi – ha spiegato Lippi – sono le condizioni ideali. Meglio il freddo che 40 gradi, i giocatori avranno modo di recuperare tra una partita e l’altra». Anche per questo, dal 23 maggio, gli azzurri andranno a fare la preparazione in altura, quasi certamente al Sestriere: per abituarsi ai 1.400-1.700 metri di Johannesburg e Pretoria, dove l’Italia tornerà dopo l’esperienza della Confederations Cup, qualsiasi viaggio proponga il girone. In ogni caso, la tendenza di tutte le Nazionali è di fissare il ritiro in altura, e gli spostamenti verso Città del Capo o Durban, più fredde e più piovose, non sono graditi a nessuno.

Il sorteggio di domani propone rischi non da poco agli azzurri. Dall’urna numero 4 possono uscire Francia o Portogallo, dalla 3 Camerun, Costa d’Avorio, Ghana o Nigeria. Henry, Cristiano Ronaldo o Drogba che sia, conteranno anche le sedi delle partite. Il gruppo A è già occupato dal Sudafrica. Per il resto il B, il G e l’H sono i meno movimentati (due partite a Johannesburg i primi due, una a Johannesburg e l’altra a Pretoria il terzo); capitare nell’E, al contrario, vorrebbe dire fare il tour del Sudafrica andata e ritorno (Johannesburg-Durban -Città del Capo) nel giro di 10 giorni. «Sarà in ogni caso un Mondiale più difficile di quello del 2006 – ha aggiunto Lippi – Ci sono africane più forti, e per di più giocano in casa. E poi sono presenti tutte le nazionali che hanno vinto almeno una volta il Mondiale».

Non ci sarà invece l’Irlanda del Trap, «che aveva lavorato bene in questi due anni, e per questo mi spiace non ce l’abbia fatta». E non ci sarà, ma solo domani, il ct argentino Diego Armando Maradona, squalificato. «L’avrei salutato volentieri» il laconico commento del ct, ancor più stringato sul messaggio lanciato da Totti («Un ritorno? Decideremo a marzo-aprile» aveva detto il capitano della Roma): «A marzo si vedrà». Qualche preferenza l’ha espressa il presidente Figc, Giancarlo Abete: «Vorrei evitare di incontrare subito la Serbia» prima di commentare l’ipotesi che il Ghana chiami Balotelli: «Con i nuovi regolamenti è possibile» ha fatto notare, richiamando la norma che non include più l’Under 21 tra i precedenti che escludono cambi di maglia nazionale. «Starà a lui decidere – ha concluso Abete – ma di solito queste sono scelte che fanno giocatori di 26-27 anni…». In ogni caso, e con qualsiasi avversario, Lippi assicura di aver la barra diritta: «Stiamo costruendo un nuovo progetto, nessuna delle grandi viene al Mondiale per farsi bella: tutte sono qui per vincere». E a proposito di timone, il ct ha rispolverato l’immagine di Germania 2006, quella degli amici pronti con la barca a Viareggio: «Ma il motore non lo tengo acceso per sei mesi…».

www.corrieredellosport.it

LIPPI :” SARA’ UN MONDIALE DIFFICILE…”ultima modifica: 2009-12-04T06:00:00+01:00da sud-africa2010
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento